Partecipa a Isernia Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ferrovie, continua il viaggio sulla Transiberiana d'Italia

Domani nuovo viaggio della Sulmona-Carpinone. Oggi pomeriggio un convegno

Condividi su:

Torniamo a occuparci della Transibieriana d’Italia, visto che questo weekend sarà ricco di attività. Per iniziare. oggi pomeriggio, 6^a giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate, in località Badia Morronese si terrà, a partire dalle 16, un convegno nel quale si discuterà del futuro di questa tratta di ferrovia, che ormai gode di un buon nome. Il dibattito sarà anche la giusta cornice per presentare e proiettare il cortometraggio ‘Il viaggio’ ideato dall’attore molisano Maurizio Santilli.

Per tutti coloro che hanno già acquistato il biglietto, o riusciranno a procurarsene uno, domani il trenino più famoso del Centro Italia partirà dalla stazione di Sulmona in direzione Isernia. Sosta d’obbligo a San Pietro Avellana, dove i 200 viaggiatori potranno fare un’escursione tra le bellezze della riserva MaB. Dopo aver goduto dello spettacolo naturale della riserva, il treno ripartirà verso il capoluogo pentro, dove per i viaggiatori sarà allestito un vero e proprio spettacolo.

Ad opera delle ‘Officine del Tempo Libero’ sarà aperta una mostra di cimeli storici e fermodellismo; a seguire, Domenico Imperato e Alessandro Nosenzo, reduci dalle preselezioni di Sanremo Giovani, si esibiranno con ‘Postura Libera’. Per concludere, sarà presentato il libro ‘La ferrovia delle meraviglie’ di Albano Marcarini e Massimo Battini.

Dall’associazione, infine, ci fanno sapere che, grazie all’operato di numerosi volontari, che hanno promosso la TransIta, stanno per essere organizzate ulteriori tratte abruzzesi per sopperire alle numerose richieste. Qual è l’obiettivo di tutto ciò?

La speranza è che la Transiberiana d’Italia si faccia conoscere bene dai cittadini del Molise e dell'Abruzzo ma anche su tutto il territorio italiano (cosa che sta già riuscendo a fare), e soprattutto che riesca a far arrivare un messaggio forte e chiaro alla Regione Abruzzo che finora è rimasta a guardare inerme.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook