Partecipa a Isernia Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Esito 2ª assemblea LIPA, una partecipazione attiva dei cittadini al di là delle aspettative.

Sul sito del Comune di Isernia si può visionare il customer satisfaction ed i risultati a cui si è giunti.

Condividi su:

di Lucia Lozzi

Quando la partecipazione attiva dei cittadini alla vita amministrativa viene messa, realmente, in pratica rafforza davvero la relazione con la gestione della cosa pubblica e, al tempo stesso, pone l'ente nella condizione di migliorare l'amministrazione di una città. Un nuovo modo di fare amministrazione che consente di fare informazione trasparente e fruibile a tutti nonche' di prendere decisioni concrete per l'attuazione delle politiche pubbliche. Ne consegue un reale rafforzamento del senso civico e della fiducia del pubblico nell'amministrazione ed un miglioramento della qualità della democrazia. Una democrazia rappresentativa, nell'ambito della quale i Comuni svolgono un ruolo centrale. Il Comune di Isernia ha messo in atto questa buona pratica con risultati inaspettati e gratificanti. Dopo l'ultima assemblea sono giunti numerosi i questionari, disponibili sul sito, dai quali  è emersa una condivisione degli obiettivi  proposti dal Comune di Isernia, ad eccezione dell'intervento della funivia Homo Aeserniensis, come collegamento sito de La Pineta col centro cittadino, e della realizzazione di una stazione ferroviaria intermedia in loc. S. Spirito integrata nel nuovo sistema di accessibilità urbana, fermo restando l'obiettivo di collegare adeguatamente la zona di S. Spirito al centro cittadino ed all'Auditorium in particolare, attraverso interventi alternativi. Grande interesse in particolare per l'Auditorium Unità d'Italia come sede delle attività scientifiche, didattiche e divulgative sulla preistoria nell’ottica dello sviluppo turistico e degli obiettivi. Sul sito http://www.comune.isernia.it/upp/LIPA.htm  si possono visionare tutti i risultati dei questionari e le percentuali in termini di gradimento. Da sottolineare non solo l'impegno messo in campo da Sergio Fraraccio ed Enrico Angiolilli che è stato determinante ai fini della riuscita della partecipazione attiva alla vita amministrativa, metodo tanto auspicato e voluto dal Sindaco D'Appollonio durante e dopo la campagna elettorale, ma anche la presenza dei cittadini che, attenti, sono stati capaci di dimostrare quanto sia importante il loro contributo nella gestione della cosa pubblica e nel progetto dando delle priorità e delle indicazioni ben precise a specifici bisogni.  Un esempio di democrazia che apre nuovi scenari e orizzonti. La testimonianza di una diversa fase epocale dei rapporti tra rappresentanti e rappresentati, un punto di svolta che è stato compreso e cambierà il modo di amministrare il Comune di Isernia. Offrire ai cittadini la possibilità di dare il loro contributo vuol dire condividere la gestione della cosa pubblica. Vuol dire aprire le porte e far entrare i cittadini, dare voce alla gente comune che tanto ha da dire, dare e suggerire. Un chiaro e forte segnale di civiltà che, nonostante, sia solo alla prima esperienza partecipativa, ha sviluppato meccanismi tali da creare una relazione diretta tra cittadini e istituzione comunale. Un metodo che non può non essere applicato a tutti gli enti. 

Condividi su:

Seguici su Facebook