Partecipa a Isernia Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Visita di una delegazione dell'Avvocatura isernina al Parlamento Europeo

redazione
Condividi su:

Una delegazione degli Avvocati di Isernia, guidata dall’avvocato Marciano Moscardino, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Isernia, è stata ricevuta in visita istituzionale presso il Parlamento Europeo di Bruxelles il 28 e 29 gennaio scorsi. La delegazione, formata dai presidenti delle associazioni che operano sul territorio provinciale e regionale molisano, è stata accolta dall’eurodeputato onorevole Aldo Patriciello e successivamente dai funzionari della Regione Molise presso la sede belga dell’ente regionale.I presidenti delle associazioni forensi, avv. Sonia De Toma per il Comitato Pari Opportunità degli Avvocati, l’avv. Elena Bertoni per l’Osservatorio diritto di famiglia, l’avv. Maria Bonifacio per l’AMI, l’avv. Benedetta Iannone per CamMino, l’avv. Sara Nini per l’AIGA, l’avv. Luigi Fantini per l'associazione Figli per i figli, si sono confrontati con membri di varie commissioni per analizzare finanziamenti ed interventi sociali. “E’ stato un momento di scambio culturale  e di opportuna e pratica conoscenza circa gli accordi e le convenzioni internazionali attinenti ai diritti  dei singoli individui da tutelare - ha dichiarato l’avvocato Sonia De Toma -.  Infatti, le problematiche relative ai minori, alle donne, al diritto di famiglia, nonché le politiche dell’occupazione e tutti gli aspetti della politica sociale e la formazione professionale, hanno trovato - ha sottolineato De Toma - una coesione economica, sociale e territoriale, nonchè solidarietà tra gli Stati membri, riconoscendo alle regioni italiane, e dunque al Molise, le giuste risorse che saranno impiegate a sostegno di una politica regionale ben articolata. Tali obiettivi saranno raggiunti interagendo con tutte le categorie professionali e soprattutto con quella forense. Un ringraziamento particolare - ha concluso De Toma - va all’onorevole Aldo  Patricello per la disponibilità ed ospitalità rivoltaci, e per la specifica collaborazione, anche tramite i suoi assistenti, ai fini di una  professione forense proiettata ad uno sviluppo comunitario europeo".

Condividi su:

Seguici su Facebook