Partecipa a Isernia Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

SCATTI D' AUTORE, LA NOSTRA TERRA, LE TRADIZIONI, IL MOLISE DA AMARE

Condividi su:

  Dal New York Times a voi, con tutta la passione di un NUCCI attento osservatore della realtà che lo circonda, perfezionista dal temperamento riservato e sensibile, amante delle piccole cose, che trova nella fotografia il suo mezzo di espressione. 
...Giuseppe NUCCI  aveva 14 anni quando, sin da adolescente la ricerca di stimoli sempre nuovi e la voglia di sperimentare, lo ha indotto a lasciare  il suo paese in Italia  per la vita della città, studiando a Fermo e L' Aquila prima di stabilirsi definitivamente a Roma. Il suo viaggio riflette uno spostamento della società come avviene per molti giovani che vengono attratti dalle grandi città o si trasferiscono in college per studiare e vivono in ambienti  o vivere una vita più frenetica rispetto ai ritmi più tranquilli della nostra realtà. "Vogliono qualcosa di nuovo, ha dichiarato Nucci. Vogliono andare in città". Sapeva che il modo di vita tradizionale nei propri paesi stava scomparendo e ha voluto fotografarli durante i suoi rientri in patria. Il progetto che ne ha realizzato porta il nome di DEntroTerra, un insieme di tre parole italiane: " DEntro, perché è da dove vengo. Terra, perché la civiltà rurale e la vita di paese sono quello di cui parlo. Entroterra, perché  luoghi fotografati sono zone dell'Italia interna troppo spesso trascurate e poco apprezzata, stili di vita che al giorno d'oggi non esistono più". I suoi scatti ripropongono, attraverso la foto, lo stile di vita nei paesi del Molise e dell'Abruzzo. Isernia , Chieti, Sant'Angelo del Pesco, Capracotta, Castel del Giudice, Borrello, (il paese di sua madre), alcuni accanto a tanti altri paesi . Anche se, durante i suoi ritorni, incontra molti residenti per la prima volta, riesce a stabilire con loro rapporti duraturi e contatti con tutti costruendo legami veri con la sua terra. "Quando vado a parlare con loro, riconoscono il dialetto di ognuno ", ha detto. E 'cresciuto in quel mondo di tradizioni upcountry, i suoi valori impartiti in gran parte dal nonno. "Ho vissuto,imparato e ereditato molte di queste tradizioni da lui ", Mr. Nucci, dice. Poi Mr. NUCCI e' andato via dal paese natale e il nonno è morto. Ma 20 anni dopo, la vita che aveva vissuto era ancora nitida nella sua memoria, ed era consapevole del fatto che queste abitudini andavano scomparendo. "Ho sentito il bisogno di dire qualcosa di molto intimo e personale", ha detto della zona in cui è nato, un luogo con il quale aveva una relazione contraddittoria, un desiderio di fuga e uno di conservare le sue origini. Egli, in particolare,  ha cercato di catturare i rituali della vita quotidiana che sono diventati più rari nel corso del tempo: eventi religiosi e agricoli, come la macellazione del maiale nel mese di gennaio, la raccolta delle uve, la Ndocciata durante il Natale e i numerosi pellegrinaggi della gente che svolgono ogni anno, attraverso vecchi sentieri, per visitare l'immagine della Vergine Maria o un'icona in un altro villaggio. Molti degli scatti rappresentano la gente del luogo. Sono dedicati a gente che svolge ancora la vita agricola perché ormai in tanti hanno un lavoro fuori dal loro  paese hanno un secondo lavoro di fuori del loro paese. La maggior parte dei bambini, ormai ragazzi, si sono trasferiti in altre città per andar a scuola, "eppure un piccolo pezzo di terra è ancora considerato importante" ha detto Mr.Nucci in particolare per i residenti che sono più anziani e che si dedicano ancora alle tradizioni e a preservarle. "La maggior parte di loro, tra i più anziani, pensano che tutto finirà con loro, con quella generazione", ha dichiarato Nucci. "La generazione di mio nonno." Le sue foto offrono immagini di un mondo personale, mostrando le famiglie durante la preparazione dei pasti, la raccolta e la caccia, il cibo, le feste. Tante le foto che ritraggono momenti di lavoro, ma Mr.Nucci cattura anche i suoi soggetti in momenti di riflessione, mentre raccontano storie del loro passato. Una donna racconta di trovarsi nella neve durante una tempesta, mentre un uomo ricorda a voce alta i giorni di gloria della fattoria della sua famiglia. Alcune di queste città e paesi ritratti furono rasi al suolo durante la seconda guerra mondiale sulla Linea Gustav della Germania negli Appennini , una memoria che, Mr. Nucci ha detto essere ancora impressa nella mente dei sopravvissuti. " Ecco perché, probabilmente, c'è questa distanza tra la mia generazione e la loro", ha detto. "tante tradizioni e racconti che noi non abbiamo". Alcune tradizioni possono non essere più messe in pratica ma Mr.Nucci ha scoperto che tanti che vivono altrove anche dopo l'immigrazione hanno continuato a tenerle vive. Sua nonna, per esempio, trasferita a Pittsburgh, ha conservato nella sua casa le tradizioni, trasmettendole anche agli altri e anche alla comunità di residenti a Sant'Angelo del Pesco e dei loro discendenti. "Viveva in un altro paese, ma non ha mai dimenticato le sue radici", ha detto. "Ha conservato la lingua e il modo di preparare il cibo come se fossimo in Italia." Mr. Nucci si augura che, nella società di oggi, le sue foto possono contribuire a mantenere e tramandare i valori della cultura rurale della sua infanzia. "Penso che sia importante conservare la tradizioni ". 

Condividi su:

Seguici su Facebook