L’interminabile odissea dei pendolari molisani: viaggio senza fine

| di Cassandra Picciano
| Categoria: Territorio
STAMPA

 

 

Continua l’odissea dei numerosi viaggiatori molisani che quotidianamente prendono il treno che da Isernia giunge a Roma.  Un viaggio senza fine, l’ennesimo tragitto che ogni volta trova sul proprio cammino qualche blocco. I viaggiatori sono giunti nella capitale dopo ben cinque ore di tragitto. L’odissea, che ormai va avanti da molto tempo, ha avuto inizio con il treno interregionale delle 7:45 che, normalmente, arriva a Roma alle ore 9:53. Il treno colmo di viaggiatori, molti dei quali anche in piedi, parte senza alcun ritardo, ma a Venafro qualcosa non funziona e il treno si blocca. I passeggeri chiedono spiegazioni al personale che replicano dicendo che c’è stato un guasto, ma tutto risolvibile in breve tempo. Passa un’ora e il treno sembra ripartire per raggiungere la capitale. Alla fermata di Zagarolo arriva la seconda sorpresa, il treno si blocca nuovamente e questa volta i passeggeri rinunciano a chiedere spiegazioni. Dopo un po’ il convoglio riprende la sua interminabile corsa e dopo ben cinque ore di viaggio infernale, tra imprecazioni di ogni tipo e sconforto totale, finalmente i viaggiatori possono scendere a Roma.

 

 

Cassandra Picciano

Contatti

redazione@iserniaoggi.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK