Il medico di Aldo Di Giacomo: "Cessi lo sciopero della fame e della sete"

Di Donato: "Sono molto preoccupato, la sua salute è a serio rischio"

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

"Sono molto preoccupato, deve assolutamente sospendere lo sciopero. La sua salute è a serio rischio".

Lo dichiara all'Ansa Felice Di Donato, il medico che sta seguendo Aldo Di Giacomo, il consigliere nazionale del Sindacato autonomo di Polizia penitenziaria (Sappe) giunto al 38esimo giorno di sciopero della fame e al nono della sete per sensibilizzare la politica sulla "disastrosa situazione della giustizia e delle carceri in Italia".

Anche il presidente del Senato, Renato Schifani, ha invitato Aldo Di Giacomo a sospendere la sua iniziativa impegnandosi, se rieletto, a far discutere delle carceri il prossimo Parlamento in una delle sue prime sedute. La protesta dell'uomo, che vive in Molise, è cominciata con lo sciopero della fame più di un mese fa.

Redazione

Contatti

redazione@iserniaoggi.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK