Allarme Corte dei Conti, Leva (Pd): “E’ indispensabile promuovere subito un confronto pubblico e istituzionale sul tema. La spesa pubblica è stata piegata troppo spesso ad esigenze particolari”

| di Simona Menna
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

“L’allarme lanciato dal Presidente della Corte dei Conti, Michael Sciascia, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario è drammatico, perché fotografa l’andamento della spesa pubblica in Molise e soprattutto la gestione della stessa; molto spesso utilizzata come se fossa una cosa privata, piegata a logiche particolari”. Con queste parole interviene sul delicato tema il segretario regionale del Partito Democratico, Danilo Leva, il quale sottolinea come la Corte dei Conti non faccia altro che confermare le denunce inoltrate negli anni scorsi dall’opposizione consiliare e i moniti lanciati anche all’inizio di questa decima legislatura e inerenti proprio alla sanità, alla formazione, alle operazioni di finanza derivata, al ricorso sfrenato alle consulenze esterne attraverso contratti a progetto e a tempo determinato. “Le forze politiche – afferma Leva – non possono restare insensibili ad una situazione di irregolarità diffusa, come quella descritta dalla Corte dei Conti. E su questi temi è necessario e indispensabile promuovere subito un confronto pubblico e istituzionale. In una fase delicata come quella attuale – aggiunge il segretario del Pd – bisogna agire con rigore e sobrietà. Ma in tal senso il governo regionale non è ancora incisivo. Iorio getti definitivamente la maschera e la smetta di nascondere la polvere sotto il tappeto. Con il perdurare di una simile situazione – conclude Danilo Leva – sarà impossibile ridurre le tasse ed innalzare la qualità dei servizi ai cittadini, al di là degli slogan elettorali in cui il governatore è già impegnato nelle ultime ore”.

Simona Menna

Contatti

redazione@iserniaoggi.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK