Le ROIPNOL WITCH - live@ Holzhaus Birreria - ilcasostanzino Ent. Isernia

- Al: 25/03/2011, 09:45 | Categoria: Musica
STAMPA
Nel 2002 le due sorelle Giuly Witch e Lady Marty, decidono di mettere insieme una rock band tutta al femminile. Una chitarra, un basso e 2 voci ci sono, presto si unisce anche la chitarra solista di Tamara, ma all’appello manca ancora qualcosa. Molte ragazze vengono contattate, anche se è con l’arrivo di un maschietto alla batteria che le cose cambiano; Giorgio impara a dettare il tempo nel frastuono distorto e graffiante che le streghette amano suonare. Nascono così le Roipnol Witch! Le Roipnol registrano il primo disco autoprodotto Makes me sick e non smettono mai di suonare in giro per l’Italia ma è nel 2005 che le ragazzine cominciano a maturare anche a livello sonoro. Tamara lascia e arriva Queen Francy…una settimana dopo il cambio di line up la band partecipa, davanti a 5 mila persone, al Venerelettrica female festival a Perugia, vincendo il premio come miglior voce. Le manifestazioni femminili diventano il loro pane quotidiano, si esibiscono al Rock 4 women2006 (per i 60 anni del voto alle donne) a Modena, Donne in Rock sul lago di Como, Woman no cry ad Ancona, il Just a Girl emiliano e La rottura delle acque all' EKIDNA di Carpi e tantissime grrrls nights. Nel 2009, dopo aver toccato, con i loro live, quasi tutte le estremità della penisola, dal Piemonte alla Puglia, dalle Marche alla Campania, passando per Veneto, Lombardia, Emilia, Umbria, Toscana e Romagna, il gruppo decide di fermarsi per entrare in studio. Con la produzione artistica di Mono ( FFD), le Roipnol Witch registrano le 13 tracce dell’Album Once upon a time insieme a Davide Cristiani al “Bombanella studio”, sala di incisione persa tra i colli modenesi, dalla quale è stato sfornato anche l’album A2 di Beatrice Antolini. Le Voci di Giuly witch e Lady Marty, sono invece state curate da Olly (The Fire, Shandon). Rescue, il primo singolo che verrà estratto dal disco, vanta la produzione artistica di Livio Magnini (Bluvertigo), mentre il secondo singolo, Karma Love, è stato mixato da Matteo Ciffelli. Once upon a time, è stato masterizzato da Sean Magee agli Abbey Road studios di Londra ed è uscito per l'etichetta Duchess records L'album alterna momenti di alternative rock più melodici a grintose espressioni rock’n’roll, reminescenze 80’s a ballate distorte. Le influenze provengono sia da gruppi e voci femminili come The Organ, Yeah Yeah Yeahs, Magneta Lane, Juliette and the Licks, Girl in a coma, Hole ma anche band come Arcade fire, Editors, Cure, Clash.

Simona Menna

Contatti

redazione@iserniaoggi.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK